Terremoto a Forlì

In questi giorni il terremoto (o meglio, una serie di terremoti) sta colpendo duramente parte della mia regione. Per fortuna qua a Forlì sentiamo solo i riverberi delle grosse scosse che avvengono in Emilia.
Qua nessun crollo e nessun ferito.

Ricostruire questa volta non sarà affatto facile. Anche perché lo Stato, dall’alto dei suoi debiti, ha pochissimo margine di manovra per reperire i soldi per ricostruire case e capannoni a chi li ha persi.
Accontentiamoci che almeno per gestire l’emergenza degli sfollati, qualcosa ha messo sul piatto.

Come dicevo le scosse si son sentite fin qua a Forlì, dove in realtà siamo abituati a movimenti di questo tipo trovandoci noi in zona sismica.
Come dicevo grossi danni non ne ha fatti in questa parte della regione, anche quando i muri tremano, qualcosa si spacca sempre anche qui.
Qua nel mio condominio si sono incrinati alcuni tubi delle condotte che portano il gas negli appartamenti provocando piccole, ma pericolose, perdite di metano.
Chiamata pertanto Hera, società proprietaria dei contatori, questa ha risolto in fretta il problema: contatore del gas piombato e fornitura interrotta. Fin quando avremo chiamato un idraulico per riparare la perdita.

Un augurio a tutte le popolazioni dell’Emilia affinché possano tornare presto nelle proprie case e al lavoro nei capannoni.

Per aiutare la ricostruzione, un sms solidale al 45500.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *